Afritudine.org

 

    > made in africa fotografia 2002

I fotografi:

Jide Adeniyi-Jones
(Nigeria)
Kelechi Amadi-Obi
(Nigeria)
Rui Assubuji
(Mozambico)
Abderrazak Benchaabane
(Marocco)
Hicham Benohoud
(Marocco)
David Brazier
(Zimbabwe)
Loulou Chérinet
(Etiopia)
Angèle Etoundi Essamba
(Camerun)
Themba Hadebe
(Sudafrica)
Boubacar Touré Mandemory
(Senegal)
Pierrot Men
(Madagascar)
Lamia Naji
(Marocco)
Otobong Nkanga
(Nigeria)
Eileen Perrier
(Ghana)
Mohamed Romène
(Tunisia)
Zineb Sedira
(Algeria)
Youssouf Sogodogo
(Mali)
Hywell Waters
(Zimbabwe)


L’expo

> contatto

La mostra pone uno sguardo inedito, attento ed esaustivo sulle diverse anime fotografiche contemporanee che si stanno sviluppando nel continente africano: un mosaico di immagini che accanto al cuore espositivo centrale, composto dalle opere firmate da artisti provenienti da tutto il continente, affianca la creazione fotografica di due realtà nazionali: la Nigeria e il Marocco.

La sezione Internazionale
offre una panoramica sulle tendenze fotografiche panafricane presentando i lavori di dodici artisti provenienti da undici Paesi. È in questa sezione che sono esposte le opere dei quattro vincitori della IV edizione della Biennale di Fotografia Africana di Bamako: premio foto documentaristica a Themba Hadebe (Sudafrica), premio foto ritrattistica a Eileen Perrier (Ghana), premio foto artistica d'autore a Zineb Sedira (Algeria), premio giovane talento a Hywell Waters (Zimbabwe).

La sezione Marocco
ospita tre talenti emergenti della scuola fotografica marocchina: un viaggio in bianco e nero in una regione d'Africa che si affaccia sul Mediterraneo alla riscoperta dell'appartenenza e dell'identità, dell'esilio e della ricerca delle radici.

La sezione Nigeria
presenta i lavori di tre artisti che, nonostante la tragica situazione in cui versa il Paese, esplorano con poetica originalità linguaggi espressivi personalissimi. Immagini a colori che lottano per rendere comprensibile e coerente il caos quotidiano che avvolge, in una rete di fitti e invisibili intrecci simbolici e spirituali, una capitale come Lagos.